Il borgo di Bova in provincia di Reggio Calabria

Bova

Bova, la capitale culturale dell’area grecanica (patria dei greci di Calabria) una delle tre minoranze storico-linguistiche calabresi…


Bova (Chòra tu Vùa nella sua denominazione in lingua grecanica) è la capitale culturale della Bovesìa (l’area grecanica in provincia di Reggio Calabria). Qui la cultura grecofona è ancora viva, nonostante la definitiva imposizione del rito latino nel 1572, quando l’Arcivescovo Cipriota Stauriano impose il rito latino con la conseguente caduta dell’ultima diocesi orientale, Bova appunto (antica sede vescovile con rito Greco Bizantino).

Il borgo di Bova è inserito nel circuito dei borghi più belli d’Italia, una delle città più a sud della penisola italiana, gli anziani parlano ancora il greco di Calabria, le tracce Bizantine sono ancora presenti sia negli usi che nelle tradizioni popolari e di fatto Bova conserva le tradizioni proprie di tutta l’area grecanica calabrese.

Tra le principali occasioni tradizionali e festive si ricorda le celebrazioni di San Leo (patrono della città) e il rito della processione delle Persefoni o Pupazze la domenica delle Palme. Tra i piatti tipici emergono la Lestopitta, le ricotte, la Musulupa, la Pitta ‘rrustuta, i maccarruni alla boviciana, i Ricchi’e previti, le Cordelle e i Tagghiulini.

Bova conserva numerosi beni culturali di assoluto interesse storico-artistico e antropologico come i ruderi del Castello Normanno (X-XI sec.); la Chiesa di San Leo (XVII sec.); la Cattedrale di Santa Maria Isodia (del XII sec. e sede della diocesi a partire dal V sec.); la Chiesa del Carmine (XVII sec.); il Museo del folklore e delle tradizioni popolari; la Chiesa dell’Immacolata (XVIII sec.); il Museo Civico di Paleontologia e Scienze Naturali dell’Aspromonte; la Chiesa di Santa Caterina, con statua marmorea della Madonna col Bambino (1590) proveniente dalla chiesa dello Spirito Santo (XVI sec.); il museo all’aperto “Sentiero della Civiltà Contadina”; la Chiesa dello Spirito Santo (XVII sec.); il centro di documentazione di Cultura Grecanica “Napoleone Vitale”; la Chiesa di San Rocco (XVI sec.).


Ciao, sono Sergio Straface e sono un Antropologo. Mi occupo di ricerca etnografica e lavoro nel Marketing e nel Management dei Beni Culturali e del Territorio. Qui scrivo di tradizioni popolari e folklore – ricette e food – religiosità popolare – reportage – comunità storico-linguistiche calabresi – abbazie, chiese, conventi e santuari… insomma tutto quello che ha a che fare con l’universo etno-antropologico soprattutto in Calabria. Vai al Blog

Articoli su Bova
0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *