gerhard-rohlfs

Gerhard Rohlfs

A voi fieri calabresi dedico questo libro che chiude nelle pagine i tesori di vita del vostro nobile linguaggio.

Gerhard Rohlfs (Berlino 1892 – Tubinga 1986) fu un filologo, linguista e glottologo tedesco particolarmente famoso per aver condotto ampi studi sui dialetti dell’Italia Meridionale e in particolare in Calabria considerata un’isola linguistica privilegiata per via della presenza di 3 minoranze storico-linguistiche (Arbëreshë, Occitani e l’area Grecanica). Studio che lo portò tra il 1938 e il 1939 alla pubblicazione di 2 vocabolari completi del dialetto calabrese.

Gerhard Rohlfs, considerato il massimo benemerito degli studi grecanici, ancora in vita ricevette importanti riconoscimenti come socio straniero dell’Accademia della Crusca nel 1955 e dell’Accademia nazionale dei Lincei nel 1972. In Calabria, invece, nel 1981 gli fu conferita dall’Università della Calabria la laurea honoris causa in Lettere mentre nel 2016 a Bova in provincia di Reggio Calabria (capitale culturale dell’area ellenofona calabrese) gli è intitolato il Museo della Lingua Greco-Calabra.

Principali opere di Gerhard Rohlfs sui suoi studi in Calabria:

  • Dizionario dialettale delle tre Calabrie, 1932-1939;
  • Vocabolario supplementare dei dialetti delle tre Calabria, 1966-1967;
  • Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti in 3 volumi, 1966-69, 1970;
  • Studi e ricerche su lingua e dialetti d’Italia, 1972;
  • Nuovo Dizionario Dialettale della Calabria, 1977 (giunto alla 6° ristampa);
  • Dizionario dei Cognomi e Soprannomi in Calabria, 1982.


Ciao, sono Sergio Straface e sono un Antropologo. Mi occupo di ricerca etnografica e lavoro nel Marketing e nel Management dei Beni Culturali e del Territorio. Qui scrivo di tradizioni popolari e folklore – ricette e food – religiosità popolare – reportage – comunità storico-linguistiche calabresi – abbazie, chiese, conventi e santuari… insomma tutto quello che ha a che fare con l’universo etno-antropologico soprattutto in Calabria. Vai al Blog

Leggi anche
0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *