soriano-calabro-vibo-valentia

Soriano Calabro

Soriano Calabro, città di grandi riti e tradizioni fondata intorno al bellissimo Convento Domenicano…


Soriano Calabro è un comune di circa 2.500 abitanti in provincia di Vibo Valentia in Calabria le cui origini pare siano legate alla fondazione del Convento Domenicano nel 1510 (uno dei più ricchi e famosi santuari d’Europa di quell’epoca meta di fedeli e pellegrini provenienti dall’Italia e dall’Europa), distrutto dal terremoto del 1659 e di seguito ricostruito dal Frate Bonaventura Presti, architetto, ingegnere e falegname di origini Bolognesi.

Soriano Calabro è nota anche per la produzione Mostaccioli (mustazzoli o mastazzoli in dialetto sorianese).

Soriano Calabro conserva numerosi beni culturali di altissimo pregio storico-artistico e antropologico come la Basilica di Santa Maria Maggiore con i ruderi dell’antico convento, la Chiesa San Martino vescovo, la Chiesa Madonna del Carmine, la Chiesa San Filippo Centro Storico, la Chiesa Di San Francesco Da Paola e la Chiesa di Rito Evangelico. E ancora, il MUMAR (il museo dei marmi dell’antico convento di San Domenico), il MUTERR (il museo del terremoto) e il MUANT (la pinacoteca).

Tra le principali occasioni tradizionali e festive si ricorda il rito dell’affruntata (comprunta in dialetto sorianese) durante il periodo pasquale e il rito della Calata del Quadro, la miracolosa e venerata tela di San Domenico conservata sull’altare maggiore della Basilica di Soriano Calabro.


Ciao, sono Sergio Straface e sono un Antropologo. Mi occupo di ricerca etnografica e lavoro nel Marketing e nel Management dei Beni Culturali e del Territorio. Qui scrivo di tradizioni popolari e folklore – ricette e food – religiosità popolare – reportage – comunità storico-linguistiche calabresi – abbazie, chiese, conventi e santuari… insomma tutto quello che ha a che fare con l’universo etno-antropologico soprattutto in Calabria. Vai al Blog

Articoli su Soriano Calabro
0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *